[RISOLTO] Ubuntu: VLC non supporta il formato audio o video “hevc”

Schermata del 2015-12-18 13:44:52

Qualche giorno fa, in preda all’isteria pre Episodio VII, decido di cominciare una maratona completa della saga.

Peccato che, una volta ritrovati i miei cari DeSpecialized Edition in mkv, Vlc mi saluta con un bel:

VLC non supporta il formato audio o video “hevc” 

e il film parte con solo l’audio e una bella schermata nera.

Il motivo, lo conosciamo gia’, i codec proprietari su Ubuntu non sono inclusi di default e hevc/h265 e’ uno di questi.

Girando un po’ in rete scopro un bel ppa pronto per il codec, con due comandi installo anche il plugin relativo per vlc e mi godo la visione del film.

Da terminale:

sudo apt-add-repository ppa:strukturag/libde265
sudo apt-get update
sudo apt-get install vlc-plugin-libde265

 

lanciate vlc e buona visione

 

Annunci

Arial, Times New Roman e tutti i Font Microsoft su LibreOffice

Perche’ tutti i font piu’ conosciuti come Arial,Times New Roman, Calibri, ecc.. non sono presenti su Ubuntu ?
Il motivo in realta’ e’ molto semplice: i font sopra citati e altri largamente usati sono Proprietari quindi non c’e’ nulla di strano se non li troviamo di default su linux.

Per fortuna aggiungere nuovi font e’ un operazione molto semplice: basta infatti copiare i .ttf dentro la cartella .fonts direttamente sulla home (se non c’e’ va creata).
Quindi bisogna scaricare i font desiderati o prenderli da una installazione di windows (si trovano in c:\windows\font) e copiarli in ~/.fonts et voilat i font adesso sono disponibili anche su libre office:

Sono sicuro che dolphin su gnome-shell con le icone di ubuntu disturbera’ molta gente… ma a me piace 🙂

 

Avvistato Quantal Quetzal

Avvistato Quantal Quetzal selvatico sull’FTP:

http://releases.ubuntu.com/quantal/

Ubuntu for Android: nuovo video

Sembrano continuare senza sosta i lavori per ubuntu su android in casa Canonical. Sta infatti girando un nuovo video-intervista a Richard Collins (Product Manager per Ubuntu for Android) che mostra in azione LibreOffice su un Motorola atrix 2 ( lo stesso del primo video).

Rimango dell’idea che tutto cio’ ha un enorme potenziale ma se non si sbrigano rischiano di arrivare tardi come al solito. Se avessero gia’ rilasciato qualcosa la comunita’ avrebbe gia’ fatto molto ma canonical e’ ancora convinta di fare partnership con qualcuno con un pugno di mosche in mano..

Boh, staremo a vedere.. intanto gustiamoci il video:

Pangolino

VirtualBox: Cannot Register the Hard Drive Because a Hard Drive with UUID Already Exists

Chi come me usa virtualbox per lavoro o nel quotidiano sara’ incappato in questo fastidioso errore mentre cercava di aggiungere un hd virtuale esistente:

Failed to open the hard disk blablabla.
Cannot register the hard disk blablabla because a hard disk blablabla with UUID …… already exists

Che caspita vuol dire?

In pratica virtualbox imposta un identificativo univoco ad ogni hd virtuale che crea e non ci permette di utilizzare, neanche una copia dello stesso file, su un’altra macchina.

Questo e’ molto fastidioso, perche’  poter creare diverse macchine ‘tematiche’ con lo stesso sistema operativo (senza dover ripartire da un disco vuoto!) e’ molto comodo.

Beh, oggi un collega ha avuto questo problema e abbiamo scoperto questo semplice comando:

vboxmanage internalcommands sethduuid “/path/hd.vdi”

Che assegna un nuovo uuid random all’hd e ci permette di utilizzarlo in un’altra macchina virtuale. Rapido e senza copie o conversioni strane!

Firefox 7 is out

f7
Il piu’ famoso browser opensource, grazie alla nuova politica di rilasci Mozilla, si aggiorna alla 7.0.

Parecchie novita’ per questa nuova versione:

  • Azure, il sistema che migliora l’accelerazione 2D grazie a Direct2D, è abilitato di default su windows.
  • Velocizzata l’esecuzione dei Canvas e aggiunto il supporto a ‘text-overflow: ellipsis’
  • Aggiunto Telemetry, che permette di inviare statistiche sulle prestazioni del proprio browser a Mozilla
  • Inoltre finalmente il team si e’ concentrato sul noto consumo di memoria del browser correggendo parecchi memory leak e migliorando la gestione della ram.
    Queste modifiche dovrebbero ridurre il consumo di memoria di circa il 30%.

    Quindi?? Installiamolo su ubuntu….

    Installazione:
    Aggiungiamo il repository da terminale con:
    (Se siete dietro un firewall aziendale vi servira’ questa guida )

    sudo add-apt-repository ppa:mozillateam/firefox-stable

    Quindi lanciamo l’aggiornamento:

    sudo apt-get update
    sudo apt-get upgrade

    Localizzazione:
    Una volta completato tutto e avviato il browser installiamo la localizzazione italiana da qua:
    http://releases.mozilla.org/pub/mozilla.org/firefox/releases/7.0/linux-i686/xpi/it.xpi

    Dizionario italiano:
    E adesso una chicca per attivare lo spell check in italiano.

    +Digitiamo sulla barra dell’indirizzo:about:config
    +Cerchiamo “dictionary” (senza virgolette)
    +Cambiamo la stringa spellchecker.dictionary da en_US ad it_IT

    —–
    Annuncio ufficiale: https://blog.mozilla.com/blog/2011/09/27/mozilla-firefox-significantly-reduces-memory-use-to-make-web-browsing-faster/
    what’sAnew: https://developer.mozilla.org/en/Firefox_7_for_developers
    ——————————————————————————-

    Installare DB2 9.7.4 on Ubuntu 12.04

    DB2 welcome

    Che c’e’ di meglio da fare la domenica mattina se non provare l’ultimo DB2 compatibile con Ubuntu?
    Visto che gia’ mi serviva sul portatile ecco i semplici passi da seguire per avere un’installazione senza problemi.
    Questa e’ solo la MIA procedura di installazione e sebbene questi passi non siano ottimali per tutti gli utenti sono perfetti per la mia esigenza: DB2 completo ma senza troppi servizi di supporto.

    Installiamo le dipendenze
    sudo apt-get install libaio1

    Scarichiamo DB2:

    IBM DB2
    Download DB2 9.7.4

    Inseriamo un po’ di dati a casaccio nel form informativo, selezioniamo il download http e scarichiamo il file db2exc_974_LNX_x86.tar.gz.

    Cominciamo l’installazione
    estriamo l’archivio, entriamo nella cartella ed eseguiamo il programma con un bel:
    sudo ./db2setup

    Schermata iniziale dell'installer
    Accettiamo l'accordo di licenza

    Questo passo e’ importante scegliete l’installazione personalizzata e selezionate tutto:

    Selezionara installazione personalizzata

    Selezionate tutto in questa schermata

    Qui potete tenere anche il default

    Anche questo e’ importante. Vi consiglio di togliere la lingua italiana perche’ non serve a niente e da solo problemi:

    Togliere la lingua italiana

    Creare un utente per DB2
    Questo utente e’ quello che verra usato per interrogare il servizio e l’installer si preoccupera’ di creare automaticamente l’utente sulla macchina.

    Io ho creato subito un istanza DB2 ma e' possibile farlo successivamente

    Poi c’e’ una scermata identica per l’utente protetto… Proseguiamo alla stessa maniera.

    Eccoci alla configurazione del servizio vero e proprio.

    La semplice configurazione del servizio e l'avvio automatico

    Abbiamo la possibilita' di impostare un server SMTP per l'invio di notifiche. io ho saltato questo passo
    L'installazion durera qualche minuto...

    Se tutto e’ andato bene veniamo salutati da questa schermata riepilogativa:

    Proviamo il db creando il db sample per il nostro primo test:

    Creazione del database sample

    Non ci resta che startare, collegarci e fare la prima query:

    Test del servizio

    Adesso il nostro DB2 e’ pronto!

    *Aggiornamento* la guida funziona anche su ubuntu 12.04

    Installare supporto a DVD read su tutte le versioni di ubuntu e perche’ non e’ incluso di default

    BR
    Dopo la cura parte parte anche solo

    Uno degli ostacoli che gli utenti incontrano passando a Ubuntu/linux potrebbe essere la semplice visione di un DVD video; la mancanza di informazione o documentazione adeguata ad un problema cosi’ banale, e lo sconforto che ne consegue da decine di tentativi andati a vuoto, provocano nell’utente medio la sensazione che, se linux ai suoi occhi non riesce a effettuare un operazione cosi’ banale, evidentemente non fa per lui.

    Ed il bello e’ che ha ragione!

    Perche’ accade cio’:
    In genere tutti i codec proprietari, per un discorso politico/commerciale, non vengono inclusi nel parco software a corredo delle distribuzioni perche’, probabilmente, aggiungerebbero un costo per utente finale;

    Le societa’/fondazioni che vi stanno dietro potrebbero vedersi costrette a pagare delle royalties per poterle includere.

    Inoltre c’e’ anche un discorso di etica per il quale si preferisce non includere materiale non opensource out of the box.

    Certo, in realta’ basterebbe che, come avviene per gli mp3 o i driver closed, qualcuno/qualcosa mi notificasse che: “non puoi vedere il DVD perche’ *una riga di tecnichese*:

    VUOI INSTALLARE STO *** DI CODEC A TUO RISCHIO/PERICOLO/AFFARI TUOI?”

    Il perche’ cio’ non avvenga non mi interessa e valutare il perche’ del progressivo fallimento di linux sul desktop non e’ tra gli scopi del seguente articolo.

    Quindi, detto questo, non tutti sanno che per la lettura di un normale DVD video in realta’ basta eseguire uno script presente (mezzo nascosto) su tutte le versioni di Ubuntu che si preoccupa di installare da medibuntu la libreria libdvdread.

    Eseguire lo script:
    sudo /usr/share/doc/libdvdread4/install-css.sh
    E buona visione..

    Installare Libre Office 3.3.3 con menubar e localizzazione italiana

    libre office3.3.3.

    Libre Office si aggiorna con qualche bugfixes alla versione 3.3.3, che sara’ supportata per tutto l’anno prima della graduale migrazione alla 3.4.

    Se vogliamo provarla ecco come ottenere l’integrazione perfetta sul nostro desktop:

    calc
    L'ottimo Calc

    La sempre maggior compatibilita’ con i formati preferiti dalla massa ci permette di avere una perfetta formattazione dei documenti ormai anche sulla presentazioni:

    Impress with PPT
    L'ottimo Impress alle prese con documento ppt

    Aggiungiamo il repository:

    sudo add-apt-repository ppa:libreoffice/ppa

    Aggiorniamo la lista pacchetti e aggiorniamo:

    sudo apt-get update && sudo apt-get install libreoffice

    Se usiamo Unity su ubuntu 11.04 installiamo il supporto alla menubar:

    sudo apt-get remove lo-menubar && sudo apt-get install lo-menubar

    Supporto alla lingua italiana:

    sudo apt-get install language-support-it