Installare DB2 9.7.4 on Ubuntu 12.04

DB2 welcome

Che c’e’ di meglio da fare la domenica mattina se non provare l’ultimo DB2 compatibile con Ubuntu?
Visto che gia’ mi serviva sul portatile ecco i semplici passi da seguire per avere un’installazione senza problemi.
Questa e’ solo la MIA procedura di installazione e sebbene questi passi non siano ottimali per tutti gli utenti sono perfetti per la mia esigenza: DB2 completo ma senza troppi servizi di supporto.

Installiamo le dipendenze
sudo apt-get install libaio1

Scarichiamo DB2:

IBM DB2
Download DB2 9.7.4

Inseriamo un po’ di dati a casaccio nel form informativo, selezioniamo il download http e scarichiamo il file db2exc_974_LNX_x86.tar.gz.

Cominciamo l’installazione
estriamo l’archivio, entriamo nella cartella ed eseguiamo il programma con un bel:
sudo ./db2setup

Schermata iniziale dell'installer
Accettiamo l'accordo di licenza

Questo passo e’ importante scegliete l’installazione personalizzata e selezionate tutto:

Selezionara installazione personalizzata

Selezionate tutto in questa schermata

Qui potete tenere anche il default

Anche questo e’ importante. Vi consiglio di togliere la lingua italiana perche’ non serve a niente e da solo problemi:

Togliere la lingua italiana

Creare un utente per DB2
Questo utente e’ quello che verra usato per interrogare il servizio e l’installer si preoccupera’ di creare automaticamente l’utente sulla macchina.

Io ho creato subito un istanza DB2 ma e' possibile farlo successivamente

Poi c’e’ una scermata identica per l’utente protetto… Proseguiamo alla stessa maniera.

Eccoci alla configurazione del servizio vero e proprio.

La semplice configurazione del servizio e l'avvio automatico

Abbiamo la possibilita' di impostare un server SMTP per l'invio di notifiche. io ho saltato questo passo
L'installazion durera qualche minuto...

Se tutto e’ andato bene veniamo salutati da questa schermata riepilogativa:

Proviamo il db creando il db sample per il nostro primo test:

Creazione del database sample

Non ci resta che startare, collegarci e fare la prima query:

Test del servizio

Adesso il nostro DB2 e’ pronto!

*Aggiornamento* la guida funziona anche su ubuntu 12.04

Annunci

Installare Libre Office 3.3.3 con menubar e localizzazione italiana

libre office3.3.3.

Libre Office si aggiorna con qualche bugfixes alla versione 3.3.3, che sara’ supportata per tutto l’anno prima della graduale migrazione alla 3.4.

Se vogliamo provarla ecco come ottenere l’integrazione perfetta sul nostro desktop:

calc
L'ottimo Calc

La sempre maggior compatibilita’ con i formati preferiti dalla massa ci permette di avere una perfetta formattazione dei documenti ormai anche sulla presentazioni:

Impress with PPT
L'ottimo Impress alle prese con documento ppt

Aggiungiamo il repository:

sudo add-apt-repository ppa:libreoffice/ppa

Aggiorniamo la lista pacchetti e aggiorniamo:

sudo apt-get update && sudo apt-get install libreoffice

Se usiamo Unity su ubuntu 11.04 installiamo il supporto alla menubar:

sudo apt-get remove lo-menubar && sudo apt-get install lo-menubar

Supporto alla lingua italiana:

sudo apt-get install language-support-it

Pinguini e.. Work!

Questo post e’ dedicato a tutti coloro che credono che non si possa lavorare usando solo Linux.
Questo e’ il nostro successo: un intero gruppo di sviluppatori che usa esclusivamente ubuntu sulle proprie macchine..

Ecco a voi l’ultimo nato nella mia postazione (Hp ProBook in fase di installazione)
Natty
Un altro scatto
Office

Unity, sei tu finalmente Unity? Vediamo che manca…

unity 3.8.6
Manca poco al debutto.. E anche se forse non sara’ nella configurazione di default, ormai direi che ci siamo.. Unity, versione 3.8.6 a stasera, comincia ad avere una sua consistenza…
Ormai 15 giorni separano Unity (e Canonical) dal faccia a faccia con l’utente finale ed ecco come si presenta stasera il desktop.
Intanto, finalmente, hanno sistemato quel cavolo di drag & drop delle icone sul lanciatore:
add icon to unity

Poi dopo una regressione durata qualche giorno ritorna a funzionare il decantato plugin grid che ci permette di massimizzare e sistemare le finestre spostandole sui lati:
unity grid

Si passa ad una serie di migliorie grafiche sulla dash, come l’effetto gray delle icone disabilitate.. Ma non solo, la dash e’ visibilmente piu’ veloce e reattiva:
disabled icon

E naturalmente il fiore all’occhiello Ubuntu One con il nuovo logo:

one

La sincronizzazione di One:
one sincro

Detto questo..Cosa manca ancora veramente a questa 11.04?

  • Prestazioni Sono salite di tanto ma ci mette ancora veramente molto a partire dopo la schermata di login
  • Stabilita’ Unity ormai non crasha piu’ ma ogni tanto si pianta proprio.. E dire che il famoso 2.6.38 soprannominato kernel delle meraviglie doveva darci piu’ velocita’ sulle applicazioni realtime
  • Coerenza Visto che ormai da quello che ho capito la live supera i 700 e passa mega e quindi non entrera’ mai in un CD con tutte le porcherie che gli devono mettere dentro, mi girano le scatole che per cose elementari per qualcunque sistema al mondo (come ad esempio condividere una cartella o modificare qualche host) mi deve dire che devo installare pacchetti aggiuntivi (quando ho culo e mi avverte lui).. Ma cosa e’ piu’ importante? I 300 mega di documentazione in linguaggi esotici o avere i gnome tools a portata di mano??
  • Ma soprattutto per le prestazioni che si discute sul non inserire Unity di default in caso non si riesca a renderla pronta. I ragazzi di Canonical sembra ce la stiano mettendo tutta..

    Basteranno queste due settimane? Riuscira’ a convincere e conquistare?
    Ma soprattutto: Riuscira’ a tener il confronto con GNOME 3?
    La partita si giochera’ in queste ultime decisive settimane..

    The next version of Ubuntu is coming soon

    Ripristinare la barra dei menu di Eclipse su Unity

    sts menu bar

    Chi usa Eclipse nel quotidiano e ha fatto l’upgrade a Natty si sara’ accorto di un fastidioso bug che rende inutilizzabile il workspace:

    bug

    La global menu bar di Unity infatti fa un po di confusione e il risultato e’ quello dell’immagine.. ovvero dove m****** e’ il menu’??
    Finche’ il bug non sara’ risolto ecco un piccolo work around che disabilita il menu’ globale con un semplice script.

    Creiamo un file con il seguente contenuto:

    export UBUNTU_MENUPROXY=0
    percorso_di eclipse/eclipse_eseguibile

    Salviamo e rendiamolo eseguibile (tasto destro, proprieta’, permessi, spuntiamo ‘esecuzione’)

    Otterremo il menu’ classico dell’applicazione..

    Installare Sun Java su Ubuntu Unity

    sun java

    Questo sara’ utile a tutti i programmatori che come me hanno provato a sostituire la jdk open con quella Sun e non riescono a trovarla.
    Il motivo sono i repository partner di Natty che, essendo ancora in sviluppo, non hanno ancora aggiunto la jdk Oracle.

    Per installarla ugualmente finche non sara’ disponibile, e’ sufficiente utilizzare i repository di Ubuntu Maverick.
    Quindi cerchiamo “sorgenti software” sulla dash (o sul software center):
    sorgenti software
    E modifichiamo la distribuzione dei repository partner:
    partner repo

    Quindi da terminale:

    sudo apt-get install sun-java6-jdk

    Confermiamo la licenza ed eventualmente modifichiamo il default con:

    update-alternatives –config java

    Unity MenuBar support for Libre Office

    Libre office menubar

    Ubuntu Unity e’ ormai alle porte.. E visto che non mi accontentavo piu’ di provarla su VirtualBox stanotte ho provato un disastroso dist-upgrade seguito da un’installazione pulita da zero.

    Per tutti quelli che hanno seguito il mio esempio, cominciamo a metterci comodi..
    Ecco per cominciare il supporto ( IMHO ormai maturo) alla menubar per libreoffice:
    Installiamo il pacchetto tramite apturl:
    INSTALL
    Oppure se l’url vi da problemi:

    sudo apt-get install lo-menubar

    Weblive su Natty consentira’ di provare in anteprima le applicazioni sul software center

    WebLive on natty
    Ubuntu Software Centre, sulla ormai prossima ubuntu ‘Natty Narwhal’, permettera di testare le applicazioni prima di installarle?
    Sembra sia gia’ possibile grazie a weblive: una tecnologia in grado di eseguire su una macchina remota quello che andremo ad installare..

    Basterebbe Basta infatti installare il pacchetto qtnx (disponibile sul repository universe) per abilitare il pulsante “test-drive” sul software center 🙂

    pulstante testdrive

    A questo punto perche’ non abilitarlo di default??
    Probabilmente ormai e’ tardi per Natty che sta in Feautures Freeze da un po’ di tempo (vedi Natty RS) ma se ne discutera’ al prossimo Ubuntu Developer Summit.

  • Weblive API
  • Fonte